Cipresso di Leyland
Cipresso di Leyland

Il cipresso di Leyland o falso cipresso, cupressocyparis leylandii, è una pianta sempreverde appartenente alla famiglia cupressaceae, originaria del nord America.

Si tratta di un ibrido, creato dal cupressus macrocarpa e il callitropsis nootkatensis, ampiamente diffuso, come pianta ornamentale, nel bacino del Mediterraneo che raggiunge un’altezza massima di 4 metri ed ha una crescita molto rapida. La sua principale caratteristica è quella di non svilupparsi molto in larghezza perchè ha un apparato radicale piuttosto contenuto.

Cipresso di leyland (dettaglio)
Cipresso di leyland (dettaglio)

Non tollera l’umidità alla base, ma nonostante ciò la pianta deve esse posta in un terreno che la mantenga, è opportuno, inoltre, posizionarla in una zona soleggiata. Si tratta di una pianta molto resistente che sopporta bene i climi rigidi e le basse temperature e, con le opportune precauzioni, tollera anche le temperature elevate. Può essere potata in tutto il periodo compreso fra primavera ed autunno ma bisogna stare attenti a non tagliare i rami vecchi.

Storia

cipresso di Nootka
cipresso di Nootka

Come detto in precedenza si tratta di un ibrido ma a differenza di altre piante non nacque da una sperimentazione botanica ma dal semplice “caso”.

Nel 1845 il banchiere, di Liverpool, Christopher Leyland acquistò la tenuta di Leighton Hall, nel Powys (una contea situata nel Galles) e nel 1847 la diede al nipote John Naylor (1813-1889) il quale delegò un certo Edward Kemp di allestire i giardini, i quali comprendevano due specie nordamericane di conifere in stretta vicinanza tra loro: il cipresso di Monterey, cupressus macrocarpa, e il  cipresso di Nootka, callitropsis nootkatensis.

cipresso di Monterey
cipresso di Monterey

Benché le due specie fossero imparentate fra loro, non si sarebbero mai potute incrociare in natura, in quanto vivevano a moltissimi km di distanza, ma grazie alla loro coltivazione in una ristretta area nel 1888 si creò il primo ibrido fra le due piante: il cipresso di Leyland.

 

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Comment *






*