Fiore di ligustro
Fiore di ligustro

Il ligustro, ligustrum japonicum, è una pianta arbustiva silvestre appartenente alla famiglia delle oleacee, originaria dell’Asia, dell’Europa, dell’Africa del Nord e dell’Australia.

Si tratta di una sempreverde, dalla corteccia liscia e verdastra e foglie verdi e brillanti, che può raggiungere i 2 metri di altezza. Produce dei fiori bianchi, dal tipico odor di lattice, che si riuniscono in infiorescenze a pannocchia terminale. Da questi si formano, infine, delle bacche di colore nero, lucide e velenose.

La pianta tollera quasi tutti i tipi di clima, resiste bene persino a temperature che arrivano ai -20°C, e si adatta a tutte le posizioni, sia soleggiate che ombrose. Non necessita di moltissime potature, ne sono sufficienti 2 o 3 nel periodo compreso tra la primavera e l’autunno.

Un’altra specie molto diffusa e di facile coltivazione è il ligustrum lucidum di cui vale la pena citare due varietà: l’excelsum superbum dalle foglie a margini variegati di color crema e la tricolor le cui foglie giovani sono di color rosato.

Storia e simbologia

Ligustrum japonicum
Ligustrum japonicum

In antichità si pensava che la pianta avesse proprietà curative e che fosse utile per le affezioni della gola, inoltre le bacche venivano spesso utilizzate come colorante alimentare. Purtroppo però studi più recenti hanno dimostrato che non solo la pianta non è curativa, ma come detto in precedenza è persino velenosa. Le bacche contengono, infatti, un glucoside che provoca gravissime infiammazioni del tratto gastrointestinale e paralisi circolatorie che possono condurre persino alla morte. Ad esser velenose non sono solo le bacche ma anche le foglie e la corteccia, che in soggetti particolarmente sensibili possono possono causare gravi irritazioni cutanee.

Curiosità: E’ possibile ottenere un colorante di colore giallo dalla corteccia della pianta.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.