Il giardino del tempo

Crea sito

Fiori e arte

Gaillardia: descrizione, linguaggio dei fiori e arte

La gaillardia è una pianta erbacea appartenete alla famiglia delle asteraceae, ne esistono una decina di specie la maggior parte delle quali sono originarie dell’America settentrionale, solo alcune sono endemiche della flora argentina.

Le specie più diffuse sono la gaillardia pulchella, la gaillardia  aristata e la gaillardia grandiflora.

Gaillardia pulchella
Gaillardia pulchella

La gaillardia pulchella è una sempreverde ed ha, in genere, una dimensione medie, ovvero non supera i 30-50 cm di altezza. Le foglie sono abbastanza sottili, talvolta nastriformi, di colore verde chiaro. E’ una pianta che col suo basso e fitto fogliame tende a produrre piccoli tappeti di “erba” rigogliosa. Fiorisce durante la stagione estiva, quando fra le sue foglie compaiono lunghi e sottili fusti fiorieri, sulla cui sommità sbocciano fiori solitari, di varie dimensioni, a forma di margherita. Il fiore si presenta con un centro giallo o bruno, mentre la parte esterna dei petali può essere di varie tonalità di colore: giallo, rosso, arancione o marrone, alcune volte i petali possono presentare persino più colori sfumati. Caratteristica tipica è quindi il centro del fiore di colore più scuro che si schiarisce man mano che si arriva verso le punte dei petali, da qualche anno a questa parte però esistono numerosissime cultivar in cui questa caratteristica è stata alterata, ed il fiore si presenta di un uniforme giallo intenso.

La gaillardia  aristata

Gaillardia aristata

è una pianta perenne originaria del Canada e degli stati più settentrionali degli Stati Uniti, dove cresce spontanea sia nelle praterie che nei pendii di altitudine inferiore ai 2000 metri. Come la pulchella la forma dei fiori somiglia molto a quella della margherite o a quella di piccoli girasoli ma il loro colore è diverso le gaillarde aristate sono infatti esclusivamente di colore giallo, più o meno sfumato, solo alcuni esemplari possono avere qualche piccola sfumatura viola o rossa in prossimità della zona centrale. La differenza principale ripetto alla specie precedente riguarda non tanto la dimensione, la pianta può raggiungere infatti un’altezza massima di 50 – 70 cm, quanto la sottile peluria grigiastra che ricopre i fusti e le foglie; strette oblunghe, di colore verde-grigio e dal margine il più della volte dentellato.

Gaillardia grandiflora

La gaillardia grandiflora è, invece, un ibrido creato dalla due specie precedenti i cui fiori sembrano, come nelle altre due specie, delle grandi margherite ma la cui corolla oltre ad essere leggermente più grande, arriva a misurare 8 cm di diametro, presenta dei petali nella parte interna di colore giallo esterni e nella parte esterna di colore rosso intenso.

Storia e simbologia

Gaillardia Pulchella
foto di Glen Faxon

Il suo nome scientifico è stato coniato dal botanico Auguste Denis Fougeroux de Bondaroy (1732-1789) che lo dedicò ad un magistrato francese suo contemporaneo, Antoine René Gaillard de Charentonneauin, che era un appassionato di botanica.

Nel linguaggio dei fiori e delle piante la gaillardia simboleggia la gioia di stare insieme. E’ il fiore, o la pianta adatta ad esser donata a tutti quegli amici con cui si ha il piacere di trascorrere il proprio tempo.

La pianta nel corso dell’ottocento riscosse un certo successo in Europa, a dimostrazione di ciò vi è la poesia di Cicely Mary Barker con annessa immagine.

 

 

Canzone della
Fata della gaillardia

In un giardino c’era una bimbetta
che i miei colori fiammeggianti amava:
il cremisi, il giallo e lo scarlatto,
però qual era il mio nome?

Gaillardia è un nome che non resta in mente!
Così guardò il giallo e lo scarlatto
e allora ricordò l’oro splendente
del sole quando scende nel suo letto;

Di ricordare non si preoccupò:
mi inventò un nome molto bello
e Tramonto i miei fiori chiamò:
ora anche tu puoi usare quello!

The gaillardia fairy - La fata della gaillardia; Cicely Mary Barker
The gaillardia fairy – La fata della gaillardia;
Cicely Mary Barker

Testo originale

The song of
The gaillardia fairy

There once was a child in a garden,
Who loved all my colours of flame,
The crimson and scarlet and yellow
But what was my name?

For Gaillardia’s hard to remember!
She looked at my yellow and red,
And thought of the gold and the glory
When the sun goes to bed;

And she troubled no more to remember,
But gave me a splendid new name;
She spoke of my flowers as Sunsets
Then you do the same!

 

Annunciazione di Jan van Eyck – Alcuni elementi simbolici

Annunciazione

Annunciazione, Jan van Eyck;
Tela 97 x 37 cm;
Washington, National Gallery of Art

L’opera, realizzata dall’artista fiammingo Jan van Eyck fra il 1434 ed il 1436, non è soltanto uno splendido esempio di realismo pittorico del XV secolo ma è molto interessante da un punto di vista simbolico.

Le tre vetrate, disposte esattamente dietro la Vergine, simboleggiano la Trinità Divina. In alto a sinistra, dalla finestra, si vedono sette piccoli raggi dorati, che rappresentano metaforicamente i sette doni dello spirito santo (sapienza, intelletto, consiglio, fortezza, scienza, pietà e timore di Dio) l’ultimo dei quali percorso da una colomba, simbolo dello spirito santo. La luce che entra all’interno della chiesa, tramite medesima la finestra, colpisce esclusivamente l’Annunciata a voler simboleggiare la sua elezione spirituale. Infine vi è la presenza, in basso a destra proprio ai piedi della vergine, del giglio bianco che nel suo significato simbolico rappresenta per l’appunto verginità e purezza.

Woman with a vase of flowers di Edgar Degas

Woman with a vase of flowers

Donna con un vaso di fiori
Woman with a Vase of Flowers (1872 - 1873); Edgar Degas
Woman with a Vase of Flowers (1872 – 1873), Edgar Degas

Il quadro si trova attualmente esposto presso il Musée d’Orsay a Parigi, in Francia.

Una caratteristica dei quadri di Edgar Degas è “l’inquadratura“, i soggetti vengono raffigurati da prospettive originali, quasi fotografiche. Per questa sua caratteristica pittorica è stato spesso supposta una forte influenza delle stampe giapponesi nel bagaglio culturale del pittore.  Le opere più significative che fanno cogliere meglio l’originalità del pittore sono quelle relative alle ballerine e alle scene di teatro.

The dancing class, 1873;
Edgar Degas