Liriodendron tulipifera
Liriodendron tulipifera

Il liriodendro, lioriodendron, è una pianta appartenete alla famiglia delle magnoliacee, originaria degli Stati Uniti,  importata nel continente Europeo intorno alla metà del XVII secolo che si diffuse rapidamente per la bellezza dei fiori e delle foglie.

E’ un albero che raggiunge notevoli dimensioni, che può raggiungere i  50 metri di altezza.

Il legno del suo fusto è di colore giallo chiaro e viene comunemente chiamato legno di pioppo giallo. Le foglie, composte da 4 punte troncate di netto ad ogni estremità sono di colore verde chiaro e in autunno diventano giallo oro. I fiori che sbocciano in piena estate, assomigliano molto per via della loro forma ai tulipani, per questa ragione il liriodendro è chiamato anche albero dei tulipani, vengono spesso confusi con le foglie in quanto il loro colore è giallo verdino con sfumature arancioni alla base.

Le specie più note e diffuse in tutto il mondo sono tre: il liriodendron chinense, il liriodendron tulipifera e, l’ibrido generatosi dalle due specie, il liriodendron chinense tulipifera

Liriodendron chinense
Liriodendron chinense

Il liriodendron chinense, è una pianta di origine cinese che può raggiungere un’altezza di 50 metri, si distingue dalle altre specie per via della foglie leggermente più grandi.

Il liriodendron tulipifera, è una pianta originaria della costa pacifica degli Stati Uniti, che può raggiungere un’altezza di  30 metri ed il suo periodo di fioritura è compreso tra giugno e luglio. Tra le specie di liriodendron tulipifera merita una citazione la qualità chiamata liriodendron tulipifera aureomarginatum, per via dell’estetica delle sue foglie che sono di colore verde chiaro con i margini giallo-oro.

Infine il liriodendron chinense tulipifera, un ibrido creatosi dalle due precedenti specie, caratterizzato da foglie lunghe fino a 20 cm con le punte arrotondate di color verde in estate e giallo intenso  in autunno e da fiori che presentano al loro interno screziature circolari arancioni.

Storia e simbologia

Foglia di liriodendron

Qualche secolo fa  gli indiani d’America adoperavano il suo legno per costruire canoe, barche e svariati oggetti e la sua corteggia per preparare infusi utili a curare la febbre.

Dopo la sua importazione in Europa il suo legno venne adoperato, invece, per la costruzione di strumenti musicali e la produzione della carta.

In Italia l’esemplare più grande di liriodendro si trova nel Parco di villa Besana, a Lecco.

Nel linguaggio dei fiori e delle piante per la delicatezza dei suoi fiori, che si confondono e si nascondono tra le foglie, il liriodendro simboleggia la riservatezza ed il pudore. Probabilmente per via di questo significato negli Stati Uniti è in uso mettere delle piccole piante di liriodendro come decorazione delle chiese in occasione delle cerimonie nuziali.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.