Botton d'oro
Botton d’oro

Il botton d’oro, trollius europeanus, appartiene alla famiglia delle ranuncolaceae. La forma del fiore, e della pianta in generale, ricorda molto le specie appartenenti alla famiglia delle ranunculus, dalle quali si differenzia solo per la forma del frutto e per il colore giallo del fiore. Secondo le fonti maggiormente accreditate il nome trollius deriva dal termine di tedesco antico troll che significa sferico o globoso, dovuto alla forma del fiore che somiglia ad un palloncino, è in uso dal XVI sec. e gli fu attribuito dal naturalista svizzero Conrad Gessner che scalando il monte Pilatus, vicino Lucerna, nel 1555 lo descrisse e lo citò nei suoi scritti indicandolo con il nome troll blume. Secondo altre fonti, invece, il nome troll deriva dalla lingua svedese, nelle popolazioni del Nord Europa il troll rappresenta una divinità maligna e si suppone che venne associato alla pianta perché questa è altamente velenosa in ogni sua parte. La sostanza velenosa contenuta nel botton d’oro è l’anemonina che si degrada solo con l’essiccazione. Infine il botton d’oro può essere menzionato usando un altro nome ovvero ranuncolis acris che sarebbe la sua versione in latino.

E’ una pianta molto diffusa che si può trovare facilmente in tutte le zone montane dell’Europa meridionale e nelle basse quote del nord Europa. Il periodo di fioritura è molto lungo e va dal mese di maggio al mese di ottobre, durante questo periodo il loro colore giallo oro fa risplendere interi campi poiché è una pianta spontanea altamente infestante.

Storia e simbologia

Botton d'oro
Botton d’oro

Secondo le tradizioni e le credenze popolari si narra che le radici di botton d’oro fossero in grado di far fuoriuscire il male dal corpo. Loro contatto con la pelle provocava infatti delle grandi vesciche. Secondo un’altra leggenda popolare si racconta che portarne i fiori essiccati all’interno di un sacchetto, appeso al collo, aiutasse a guarire dalla pazzia.

Nel linguaggio dei fiori e della piante il botton d’oro, probabilmente per via del suo colore, simboleggia il sarcasmo.

2 Comments on Botton d’oro, linguaggio dei fiori

  1. friv 4 school
    maggio 27, 2016 at 5:36 am (1 anno ago)

    These are really impressive ideas in concerning blogging.
    You have touched some nice factors here. Any way keep up wrinting.

    Rispondi
  2. christmas
    luglio 10, 2016 at 9:04 pm (1 anno ago)

    Hello! Tɦis post couldn’t be written any better! Reаdіng
    this post remindѕ me of my good old room mate!

    He always kept talking about this. I will forward this page to him.
    Faіrly сertain he will have a good read. Thanks for sharing!

    Rispondi

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Comment *




*